ASMA - Laboratorio di striscioni ufologici

03 Settembre 2022 17:00 - 20:30

Salva su calendario

Attività 2022   CZ95

Calle della Croce 95, Giudecca 30133 Venezia VE, Italia

Lo spazio è di chi lo abita!
Il laboratorio di striscioni condotto da ASMA - Associazione Schizogeografica di Mappatura Alternativa che si terrà durante l'Anteprima del 3 settembre sarà un momento in cui pensare e creare insieme andando oltre la realtà, che è sempre più ingiusta e noiosa.
Per questo, ASMA pensa che sia il momento di recuperare le lezioni mitopoietiche dadasurrealiste.
Lo spazio ci viene costantemente negato, recinzioni e confini ci impediscono il movimento libero sulla mappa. C'è sempre qualcuno che vuole decidere per noi e agire alle nostre spalle, nascondendoci la verità.
Campo Marte in Giudecca, i cui lavori sono iniziati negli anni '80 e non ancora conclusi, è solo l'ennesima Area 51 da cui siamo tagliati fuori. Basta sfratti, basta ingiustizie!
Che tutti gli esseri umani collaborino con tuttɜ lɜ alienɜ! Usciamo allo scoperto, facciamoci sentire lanciando messaggi forti contro la xenofobia e i soprusi territoriali terrestri. Contro il sortilegio capitalista lanciato dall'élite rettiliano-massonica neocoloniale esoplanetarista sono necessarie le forze psichiche di tutte le creature: umani, umanoidi, insettoidi, pleiadianɜ, nordicɜ, macchine, demoni inorganici e tuttɜ lɜ altrɜ, unitevi!

Il laboratorio di striscioni ufologici di ASMA, e quanto ne conseguirà in forme ignote, è parte della mostra-evento Abitare lo spazio a cura di Ileana Rutigliano e Giulia del Gobbo.
La mostra ha l’obiettivo di riunire una serie di artisti che vogliono dare vita a nuove modalità di vivere lo spazio pubblico, rendendolo personale. Lo spazio viene ripensato come se fosse la loro casa, facendo in modo di creare una continuità tra dimensione privata e pubblica, ed allontanare in ogni dicotomia e scissione che costella quotidianamente queste due sfere abitative. Ed ancora andare oltre il mero uso funzionale dello spazio. Renderlo unico e trasformarlo attraverso una nostra sensibilità intima, che ci appartiene.
Vai all'inizio della pagina